venerdì 4 dicembre 2009

Capitalismo e comunismo: 1a parte.

Parlando di denaro e di economia, non si può non parlare dei 2 sistemi fondamentali economici su cui si è dibattuto e si dibatte ancora.

Questi 2 "...ismi" sono talmente entrati nei luoghi comuni della cultura occidentale da aver aninato ricerche, movimenti culturali, rivoluzioni sociali e ogni tipo possibilie di creazione artistica.

Sono sempre stati visti come i 2 nemici, come le 2 vie tra cui scegliere, come i 2 elementi che si combattono ma che non possono vivere l'uno senza l'altro come una sorta di "Don Camillo e Peppone"... che coincidenza era pure comunista.

In questo articolo, però, voglio stravolgere questo appassito criterio di archiviazione dei 2 sistemi economici e mostrare, non so se per la prima volta, come una chiave interpretativa di notevole portata possa essere quella di vedere i 2 sistemi come la diversa faccia della stessa medaglia.

E mostrare come entrambi sono sistemi che sono contrari alla migliore gestione del panorama economico e finanziario.
Ovviamente sto esprimendo un personale giudizio e una linea che sarà molto evidente in questo blog. Quindi non scatenatevi senza ritegno a dirmi che le mie sono interpretazioni e prese di parte.
Lo sono. Quindi è già tutto chiaro. Ma lo sono come lo sono quelli di chiunque.
E nessuno venga a dirmi che c'è un approccio imparziale alla cosa. Non c'è. E non c'è maggiore ipocrisia di chi dice che sta solo esponendo i fatti. Forse lo farà in modo imparziale. Ma già la scelta dell'argomento e dei fatti di cui parlare, sottointende qualcosa di parte.

CAPITALISMO: una buona definizione (non l'unica) sarebbe quella che descrive questo sistema come:
il sistema economico in cui la proprietà dei mezzi di produzione è nelle mani di soggetti privati unici proprietari chiamati "capitalisti" (perchè possiedono il capitale) e in cui esistono altri individui che prestano il proprio lavoro ai capitalisti dietro compenso. I lavoratori non sono proprietari della loro produzione e vivono solo del lavoro e solo quindi "salariati". I capitalisti guadagnano nella rendita della produzione tramite il profitto.

COMUNISMO: una possibile definizione sarebbe:
il sistema economico in cui la proprietà dei mezzi di produzione è nelle mani della collettività e in cui tutti gli individui sono parte di questo sistema senza che nessuno di essi sia proprietario di niente. I compensi sono distribuiti secondo criteri di necessità decisi dal sistema e nessuno può accumulare capitale in forma privata.

Appare ovvio come le 2 definizioni descrivono delle situazioni generali che nella realtà concreta possono presentarsi in molti modi.
Lasciando perdere la politicizzazione dei 2 sistemi, è innegabile osservare che a seguito della caduta del muro di Berlino, il sistema comunista abbia perso moltissima credibilità da un punto di vista operativo mentre il capitalismo sembra dominare incontrastato nel mondo, soprattutto quello ricco.

Prima di approfondire la questione, vorrei citare una legge naturale che quasi chiunque in buona fede non può che osservare essere vera e valida in ogni contesto e situazione.

PREMESSA: potendo indicizzare qualsiasi fenomeno umano relativo alla produzione (economia) possiamo vedere che ogni situazione possa essere simboleggiata da un andamento statistico. Se la produzione (esempio!!) consiste di numero di sedie prodotte e vendute da un falegname, vedremo che la cosa può essere simboleggiata da un andamento statistico, che potrebbe anche essere rappresentato da un grafico. Possiamo vedere, che con un pò di sforzo, qualunque attività possa essere rappresentata da una statistica.
Questa statistica può avere una tendenza ad andare verso l'alto (statistica alta) oppure una tendenza ad andare verso il basso (statistica bassa).
In generale potremmo chiamare statistiche basse tutte le situazioni (al limite anche sociali) in cui le cose vanno male o sono contrarie ai migliori interessi della maggior parte delle persone coinvolte. E, di converso, statistiche alte le cose che vanno bene e che sono favorevoli ai migliori interessi della maggior parte delle persone coinvolte.

LA LEGGE CI DICE:
Se si premiano (validano) le situazioni con statistiche alte (cose che vanno bene), continueremo ad ottenere statistiche alte.
Se si puniscono le situazioni con statistiche alte, si otterranno statistiche basse.

Rovesciando la cosa:
Se si premiano le statistiche basse, si otterranno statistiche basse.
Se si puniscono le statistiche alte, si otterranno statistiche basse.

Alla seconda parte del post vedere come questa legge si possa applicare in generale e come si applica nello specifico alla comprensione del comunismo e del capitalismo.

Grazie per l'attenzione.
per Aspera ad Astra!

1 commento:

Francesco ha detto...

Ottimo inizio, Antonello. Questa 1a parte è già tutto un programma. Non vedo l'ora di leggere la 2a, la 3a etc.

A presto.

Francesco.

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...