sabato 24 settembre 2011

Caro Giulio e caro Silvio: cosa potevate fare? Qualche idea...

Caro Giulio e caro Silvio (ma potrò scriverlo?), cosa si poteva fare nei precedenti mesi e nei precendeti anni?
A parte tutte le vostre parole, i vostri buoni propositi, era possibile per l'Italia attuare delle decisioni che potevano impedire che si giungesse a questo livello di disperazione finanziaria?
Si.
Era possibile.
Colpevoli di innnumerevoli atti di omissione.

Oggi come oggi da più parti si sollevano critiche  e dissenso sulle iniziative del governo. Ma, come ben sappiamo, distruggere è facile. Ma meno facile è proporre delle soluzioni alternative.

Oggi vogliamo illustrarne alcune. Questo è un blog. E' scritto con l'idea di rivolgersi a tutti. Quindi perdonatemi se su alcuni punti sembrerà una illustrazione superficiale. In realtà ci sono delle altre cose che era e che è possibile fare. Ma per limitarci ad un breve elenco, ne scegliamo 10.
1) Taglio di tutti gli enti inutili (Quasi totalità delle province, enti parastatali).
Di questo se ne parla, se ne parla. Ma parlare non è governare. Un ente pubblico deve esistere perchè fornisce un servizio. E perchè i servizi che offrono sono superiori ai costi che richiedono. In Italia esistono enti come le provincie che sono solo degli stipendifici e dei parcheggi per politici. Servono per fornire potere ai partiti perchè forniscono loro una riserva di poltrone in cui sistemare questo o quel politico. Di sicuro un paese con uffici e servizi pubblici, ben organizzato e con agenzie e sportelli sul territorio è da preferire ad un paese con burocrazia centralizzata. Ma è ora necessario dare un taglio, sacrificando anche qualche ufficio o qualche ente che magari sta facendo il suo dovere. Toglierlo per fare tabula rasa ed, eventualmente, tra qualche anno riorganizzare il tutto.
Ci sono molti comuni troppo piccoli. Questi comuni dovrebbero essere accorpati ad altri comuni. E per non far svanire la rappresentanza locale, trasformarsi in circoscrizioni o dislocazioni territoriali, con uno o due funzionari, anzichè sindaco, assessori, consiglieri e compagnia cantante.
Lo stesso dicasi per moltissimi enti inutili come ad esempio le comunità montane. Per citare un esempio, in Sardegna le C.M. sono state abolite e nessuno se ne accorto. Ve ne era una che già nel nome faceva ridere per la contraddizione in termini e cioè Comunità Montana Riviera di Gallura.

2) Riforma di tutti gli organigrammi pubblici
Vi è stato in questo governo un ministro che ha cercato di fare qualcosa a riguardo. Brunetta è tutto tranne che simpatico. Ma il suo intento era giusto. Forse le sue soluzioni non lo sono state. Sicuramente i suoi metodi non sono stati molto popolari. Ma questo è il problema della democrazia. Come si può mettere in riga le persone e circoscrivere le inefficienze (il che comporta colpire sempre qualcuno) cercando di essere anche popolari? 
Ovviamente non si può generalizzare. Ovviamente non si può avere un atteggiamento quasi misticamente prevenuto nei confronti dei dipendenti delle strutture pubbliche. Ovvio.
Ma in Italia ci sono troppi dipendenti pubblici. Gli esempi si sprecano. E tutto basandosi sul fatto che così si creano posti di lavoro (e posti per collocare gli amici o elettori del politico di turno).
Le cose non funzionano così. Il principio keynesiano che basta pagare qualcuno perchè scavi un buco e lo ricopra in modo che poi spenda quello stipendio e metta in moto la macchina economica del paese non funziona. Non funziona. E' sbagliato. E Keynes ha torto. Benchè sia seguito da moltissimi paesi nel mondo.
Se un lavoro non serve, è meglio non farlo. Perchè la ricchezza non è il passaggio di moneta ma l'ottenimento di un prodotto (servizio) utile alla sopravvivenza.
Quindi occorre licenziare decine di migliaia di persone che COSTANO ma non producono. E non perchè siano degli scansafatiche. No. Perchè il sistema è inefficiente.
Ovviamente si può equilibrare il sistema. Lo si può razionalizzare. Ma per farlo occorre mandar via le figure inutili e assumere le figure utili.
Facciamo un esempio? Perchè molti sportelli aprono solo poche ore al giorno, costringendo il cittadino a operare in quella piccola finestra di tempo. Non c'è personale. C'è troppo da fare. Questa è la risposta classica. Bene! Assumete qualcun altro. Non si può la risposta. Non ci sono soldi!
Questa è follia pura.
La ricchezza è il servizio. Se c'è bisogno del servizio, i soldi sono quella produzione. Non è certo la carta moneta con cui si paga un dipendente. Forse può valere per una struttura privata (piccola) ma non per un ente amministrativo pubblico.
Cioè non ci si può porre il problema che non ci sono i soldi per pagae una mansione utile e produttiva e poi pagare posizioni superflue e non produttive.
Quanti hanno il doppio incarico? Vogliamo parlarne? Perchè?
Perchè il capo della polizia italiana guadagna circa 600.000 euro l'anno mentre il capo della polizia tedesca non arriva a 100.000? Forse non si può vivere con 100.000 euro l'anno? E il lavoro di un poliziotto che rischia la vita nelle strade vale così di meno di un dirigente?
E il gasolio delle loro auto è meno importante.

Quello che occorre fare è prendere tutti gli organigrammi di qualsiasi struttura pubblica e capire quale sia il prodotto finale di valore che ognuno di quei ruoli deve ottenere. E verificare se lo si sta ottenendo.
E' responsabilità dei superiore verificare questo e accettare che essi vengano messi a verifica. Ovviamente se già i nostri ministri non sono onesti e i nostri parlamentari efficienti..... Il pesce puzza sempre dalla testa. Ma proseguiamo.
Anzi ci vediamo lunedì perchè il post è diventato fin troppo lungo.
Grazie per l'attenzione.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...