mercoledì 5 gennaio 2011

Un nuovo anno di truffe economiche

Si chiude un penoso 2010. 
Ovviamente c'è da aspettarsi che per qualcuno anche quest'anno sia stato un periodo di "manna dal cielo" ovvero di grassi affari e aumento del proprio patrimonio.
C'è un'idea malsana, distorta e non basata minimamente sull'osservazione della realtà: ovvero che quando subentra una crisi.... pardon, intendevo dire, quando subentra UNA CRISI, tutti ma proprio tutti vadano in malora come la maggior parte dell'economia o del sistema.

Non possiamo nascondere che gli ultimi 2-3 anni siano un emblema mondiale di recessione. Qualcuno dice che sia fisiologico al sistema ma, come sia o non sia, è sotto gli occhi di tutti (tranne che di qualcuno al governo) che i fatturati siano diminuiti, le aziende contratte, i posti di lavoro diminuiti e le difficoltà economiche della stragrande maggioranza delle persone aumentate.
Ecco, appunto. Della stragrande maggioranza. Ma stragrande non significa tutti.

Anche nei periodi di crisi più nera vi è sempre qualcuno (e spesso più di uno) che si ingrassano, se mi consentite il termine.
E' accaduto nei periodi di carestia o di tirannia. E' accaduto sotto le guerre, siano esse state locali o mondiali.
La famiglia Agnelli ha lucrato moltissimo durante la prima guerra mondiale, ottenendo dallo stato italiano molteplici commesse per la fornitura di componentistica e macchine belliche.
Ma questo ci apre un bell'argomento che, un giorno o l'altro svilupperemo a più ampio respiro.

Sta di fatto che gli auspici di questo 2011 non sembrano rosei. Il tutto verte su quanto questa "crisi" sia passegggera, intrinseca ai cicli economici del moderno sistema globalizzato o semplice indicatore di un malessere radicato in profondità.
Senza scomodare criteri difficilmente comprensibili quali ottimismo o pessimismo, semplicemente prendiamo atto che il dubbio che tutto si risolva in fretta permane.

E' opinione di questo blog che il mondo economico sia basato su una base dinamica fraudolenta. Ovvero che il motore dell'economia gira, lubrificato da una disonestà di fondo. Disonestà che ormai è diventata talmente intrinseca alla natura delle cose e alla loro organizzazione da diventare un fantasma che aleggia ma che nessuno vede.
Disonestà che passa sempre in secondo piano dinnanzi alla disonestà artigianale di molti attori di questa recita che mettono in campo la frode secondo schemi consolidati e che meglio vengono riconosciuti da chiunque come truffaldini e da condannare.
Da più parti si dice che il sistema economico moderno ti fotte a "norma di legge".
Noi siamo estremamente convinti di questo. Ma senza che la nostra convinzione si tramuti in un'apologia di un qualsiasi sistema politico di rottura, marxista o leninista che esso sia, preferiamo rimanere in un campo più tecnico.
Ovvero sia di discussione su quali siano i principi base del moderno sistema capitalistico-occidentale-globalizzato. Che secondo il nostro modesto parere è tanto deleterio quanto i vecchi sistemi comunisti e molto più vicino ai principi base di questi ultimi.
Per ora vi ringrazio dell'attenzione e spero di avervi sempre più numerosi su queste pagine.

Citazione:
I latini dicevano: Homo sine pecunia imago mortis

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...